TERZA EDIZIONE DEL CONVEGNO: “MALATTIE LINFOPROLIFERATIVE CRONICHE: INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO E GESTIONE CLINICO-TERAPEUTICA”

69

TERZA EDIZIONE DEL CONVEGNO:
“MALATTIE LINFOPROLIFERATIVE CRONICHE: INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO E GESTIONE CLINICO-TERAPEUTICA”

Ragusa, 30 ottobre 2019 – Il 26 ottobre 2019 si è svolto a Ragusa, nell’aula “Saro Di Grandi” sede AVIS, il convegno di Ematologia SIPMEL – Società Italiana di Patologia Clinica e Medicina di Laboratorio – dal titolo “Malattie linfoproliferative croniche: inquadramento diagnostico e gestione clinico-terapeutica”.

Si tratta della terza edizione realizzata a Ragusa col dr. Paolo Doretto, Responsabile del gruppo di studio di citofluorimetria della SIPMEL e Presidente Regionale SIPMEL del Friuli Venezia Giulia. Ciò è stato possibile grazie al prezioso sostegno e grande contributo del Dr. Giovanni Garozzo, Primario della UOC SIMT, ASP Ragusa e della dott.ssa Elisa Cannizzo della stessa unità operativa.

Dopo il riscontro favorevole delle precedenti edizioni (sulle Mielodisplasie nel 2017 e sul Mieloma Multiplo nel 2018) si è mantenuto il medesimo razionale: un convegno di Ematologia che fosse multidisciplinare, che vedesse coinvolte tutte le figure impegnate nel percorso diagnostico e clinico delle malattie ematologiche essendo assolutamente fondamentale il dialogo tra i diversi specialisti in un percorso diagnostico e clinico condiviso.

Infatti, la competenza nella propria specialità deve essere indiscutibilmente necessaria, ma occorre avere conoscenza anche delle altre specialità coinvolte nel percorso diagnostico terapeutico: non si può fare al meglio il proprio lavoro se non esiste un’integrazione di tutte le informazioni cliniche, diagnostiche/strumentali e di laboratorio, valorizzando il lavoro dell’équipe multidisciplinare.

Nel corso sono stati coinvolti relatori e moderatori della nostra ASP, ma anche di altre Aziende Ospedaliere ed Universitarie, dando al convegno un taglio pratico e alla portata di tutti senza trascurare l’aspetto scientifico.
Hanno partecipato al convegno (accreditato ECM) oltre 80 partecipanti di varie specialità e competenze: medici, biologi, tecnici di laboratorio ed infermieri.