Fugge di casa per raggiungere giovane conosciuto su Whatsapp

182

Ragusa – La Polizia di Stato ha rintracciato una 13enne della provincia di Ragusa che aveva fatto perdere le proprie tracce. La giovane sta bene ed è stata affidata alla famiglia che ne aveva segnalato l’allontanamento.
Qualche giorno fa, la famiglia della tredicenne si presentava negli uffici della Polizia di Stato alle 21.00 per segnalare che la ragazza non aveva fatto rientro a casa .
I familiari non immaginavano e non avevano mai pensato ad una cosa del genere, anche perché i rapporti tra loro erano assolutamente normali, con le frizioni tipiche dell’età adolescenziale tra genitori e figli.
In questo caso ,data l’età , le condizioni di pericolo erano oggettive, anche perché dai primi dati investigativi emergeva che la piccola avesse preso un mezzo di trasporto per raggiungere una città del nord Italia. Ancora una volta fondamentale l’analisi degli impianti di videosorveglianza.
Con pochissimi elementi a disposizione ma con l’intuito che contraddistingue gli investigatori della Squadra Mobile, sono stati ripercorsi gli ultimi momenti passati presso la stazione degli autobus in provincia di Ragusa e da li sono state esaminate le numerose scelte che la ragazzina aveva disposizione per allontanarsi.
Ascoltati testimoni e richieste informazioni agli autisti degli autobus, gli investigatori hanno provato ogni strada ma della ragazza nulla, sembra svanita, nessuno aveva visto la piccola.
Considerati gli scarsi elementi si decideva di informare le stazioni ferroviarie e tutte le auto della Polizia Stradale. Avendo ipotizzato quale potesse essere l’azienda degli autobus con la quale la ragazzina aveva deciso di viaggiare, si dava inizio ad una ricerca su tutti i veicoli di quella ditta. Gli uomini della Polizia Stradale di Orvieto, coordinati dal Centro Operativo Autostradale che comanda tutte le pattuglie della Polizia di Stato sulle arterie autostradali d’Italia, ha operato un controllo su tutti gli autobus in transito (ne passano in media 30 in un’ora). Non è solo il senso del dovere ma è soprattutto la voglia di far riabbracciare la piccola dai suoi familiari che spinge gli agenti ad impiegare ogni energia. Solo individuare la ragazzina poteva evitare gravi pericoli e proprio per questo che gli agenti della Polizia di Stato non tralasciano nulla fino a quando non trovano la persona scomparsa. La Squadra Mobile di Ragusa aveva divulgato le foto della piccola a tutti gli agenti di Polizia, pertanto dopo un riscontro sull’identità (la minore aveva fornito un altro nome all’autista) è stato possibile riconoscerla a bordo di un autobus e condurla presso la Sezione Polizia Stradale di Orvieto.
Ad aspettare la piccola il comandante della Sezione di Polizia che l’ha rassicurata, nel contempo i familiari erano già stati informati dalla Squadra Mobile di Ragusa in quanto questi erano presso gli uffici della Questura per seguire passo passo le indagini, svolte proprio insieme a loro.
Passate quindi 24 ore dalla scomparsa la piccola è stata presa in consegna dalla Polizia di Stato e dopo altre 10 ore ha potuto abbracciare la famiglia che versava in una situazione di grande ansia.
Dal racconto della piccola fatto agli agenti mentre mangiavano la pizza in attesa dei familiari, è emerso che aveva conosciuto un ragazzo più grande in una chat per appassionati di un genere musicale. Lei non conosceva nessuno di quella chat ma poi lui ha iniziato a scriverle in privato Purtroppo dietro ad un telefonino può esserci chiunque, difatti lui ha raccontato un sacco di frottole per carpire la fiducia della ragazza che ha deciso di andare a casa sua distante 1.500 km.