16enni tentano di rubare motorini a Marina di Ragusa

402

Ragusa – Due 16enni sono stati arrestati dai poliziotti della Sezione Volanti della Questura di Ragusa per tentato furto aggravato di un ciclomotore nel centro di Marina di Ragusa.
Alla vista degli agenti, i due giovani sono fuggiti a folle velocità a bordo di un altro scooter iniziando un lungo inseguimento per le strade della frazione, incuranti di creare un grave pericolo per l’incolumità dei pedoni.
I fatti sono avvenuti nel pomeriggio di ieri a seguito di una segnalazione al 112 .
I poliziotti, già impegnati in un servizio finalizzato alla prevenzione dei furti, sono arrivati sul posto in pochi secondo essendo nei pressi della zona indicata.
I due giovani alla vista degli agenti sono saliti in sella ad un ciclomotore tentando una disperata fuga a folle velocità, tra i vicoli stretti del centro, creando una situazione di grave pericolo per i pedoni, fintanto che, ormai raggiunti dai poliziotti, hanno imboccato una strada contromano risultata bloccata dalla presenza di un’auto.
Abbandonato il ciclomotore hanno tentato un’ultima disperata fuga a piedi ma sono stati raggiunti e bloccati dagli agenti, dopo una corsa di diversi chilometri.
Gli accertamenti esperiti nell’immediatezza hanno permesso di verificare che i due avevano già manomesso il blocchetto di accensione di un ciclomotore parcheggiato a ridosso della chiesa della Madonna di Portosalvo, e che in poche secondi sarebbero riusciti ad asportare. Lo stesso motorino sul quale hanno tentato la fuga era stato rubato poche ore prima a Comiso.
Tutti i mezzi sono stati prontamente restituiti ai legittimi proprietari.
L’ulteriore perquisizione domiciliare condotta alle abitazioni dei due ha permesso di rinvenire a carico di uno di loro il possesso di diversi grammi di sostanza stupefacente di tipo marijuana confezionato in bustine trasparenti, un bilancino elettronico e tutto il materiale necessario per il taglio e lo smercio.
Pertanto, all’esito di quanto emerso, i poliziotti, diretti dal Vice Questore Aggiunto Filiberto Fracchiolla, hanno tratto in arresto i due minori, C.G. e C.D., residenti ambedue a Comiso, con l’accusa di tentato furto aggravato e ricettazione. C.D. è stato altresì deferito anche per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
Come disposto dal P.M. di turno presso la Procura dei Minorenni i due giovani sono stati condotti presso il centro per minori di Catania, a disposizione di quella Autorità Giudiziaria.