L’Ust Cisl ha tenuto a Ragusa in piazza San Giovanni la Giornata dei servizi in rete per illustrare ai cittadini le opportunità offerte dal sindacato

53

L’Ust Cisl in piazza San Giovanni a Ragusa per la Giornata dei servizi in rete

Il segretario Sanzaro: “Vogliamo fare conoscere ai cittadini la pluralità delle opportunità che il sindacato offre. Altri momenti sono già in programma”

L’Ust Cisl di Ragusa Siracusa ha organizzato in piazza San Giovanni, a Ragusa, la Giornata dei servizi in rete con un gazebo allestito sul territorio per incontrare la cittadinanza e illustrare tutte le possibilità offerte dal variegato sistema dei servizi del sindacato. L’iniziativa arriva a conclusione del percorso formativo interno organizzato dalla Cisl, che si è svolto nei mesi scorsi e ha coinvolto i dirigenti sindacali, come Rsu, Rsa, delegati, agenti sociali. “Adesso – sottolinea il segretario generale dell’Ust Cisl Ragusa Siracusa, Paolo Sanzaro – dopo la formazione, ci stiamo attivando per la fase successiva, quella in cui ci apriremo sempre di più verso l’esterno per valorizzare questo patrimonio di opportunità rivolto a tutti i cittadini con i quali siamo a contatto durante la Giornata dei servizi. Lo abbiamo fatto in piazza San Giovanni, lo faremo nei prossimi giorni anche a Marina di Ragusa e nei vari comuni iblei oltre che in tutti quei territori in cui la consulenza può risultare fondamentale”. Nei gazebo è distribuito il materiale sui servizi offerti dal Caf Cisl, dal patronato Inas Cisl, da enti e associazioni come Adiconsum, Anolf, Anteas, Sicet e Sindacare. “L’organizzazione sindacale – aggiunge ancora il segretario Sanzaro – è composta da una pluralità di servizi che ci deve consentire di essere presenti anche nelle periferie, laddove la povertà e la disuguaglianza, per non parlare delle differenze, risultano essere più evidenti. Il calo demografico, la mancanza di lavoro, le difficoltà sempre crescenti, impongono la necessità che la Cisl si faccia trovare pronta nella maniera più capillare possibile. Ed è quello che stiamo cercando di fare”.