JUDO: venerdì pomeriggio a Le Masserie di Ragusa la tradizionale cerimonia del cambio cintura promossa dalla scuola Basaki. Ospite d’eccezione la campionessa olimpionica Ylenia Scapin

117

VENERDI’ POMERIGGIO A LE MASSERIE DI RAGUSA LA CERIMONIA

DEL CAMBIO CINTURA PROMOSSA DALLA SCUOLA BASAKI

OSPITE D’ECCEZIONE LA CAMPIONESSA OLIMPIONICA YLENIA SCAPIN

Un appuntamento ormai entrato a fare parte della tradizione. Un vero e proprio test finale per chi ha trascorso una intera stagione sul tatami e, adesso, vuole dimostrare quanto vale. E’ tutto questo, e molto altro, la cerimonia del cambio cintura promossa dalla scuola Basaki di Ragusa che, venerdì pomeriggio, a partire dalle 17, si terrà all’interno del centro commerciale Le Masserie di via Achille Grandi nell’ambito della decima edizione della Festa dello sport. Una cerimonia semplice, con qualche effetto speciale, fortemente voluta dal maestro Salvo Baglieri e dal suo staff, con una partecipazione d’eccezione. La campionessa olimpionica Ylenia Scapin che anche questa volta non mancherà. Scapin collabora da anni con la scuola Basaki. Tra le sue caratteristiche principali il fatto di riuscire ad essere presente nei momenti topici della vita dell’intero gruppo sportivo. E la festa del cambio cintura si può senz’altro considerare uno tra questi. Ylenia Scapin sarà come sempre salutata con grande affetto dai judoka piccoli e grandi, saranno circa centotrenta quelli presenti, molti dei quali hanno già avuto modo di scambiare con lei, nel corso dell’anno, le proprie valutazioni sulla crescita tecnico-agonistica individuale e sulle modalità di allenamento da seguire per avere una resa migliore. “Dopo un anno di duro lavoro – dice il maestro Baglieri – è arrivato il momento in cui tutti i nostri allievi intendono dimostrare i passi in avanti che sono riusciti a compiere. E’ una fase impegnativa ma allo stesso tempo piacevole. Perché cerchiamo di dimostrare quello che è stato fatto. Ricordiamo che per noi il judo è una scuola di vita e puntiamo a fare apprendere ai nostri ragazzi tale approccio. Vogliamo mettere in vetrina il lavoro svolto e, soprattutto, porre sotto i riflettori la crescita agonistico-caratteriale di chi frequenta i nostri corsi”. Per ulteriori informazioni www.basaki.it