Blue Tongue: revocate le zone infette nel ragusano

42

Revocato il provvedimento del 15 gennaio

 

IlCommissario Straordinario, arch. Angelo Aliquò, ha revocato il provvedimento del 15 gennaio u.s., con il quale erano stati dichiarati zona infetta di Blue Tongue sierotipo “3”, i territori dei comuni di Ragusa, S. Croce Camerina, Chiaramonte Gulfi, Comiso, Vittoria, Modica, Scicli. Tali territori ricadevano nel raggio di 20 Km dell’azienda focolaio.

La revoca avviene a conclusione dell’indagine epidemiologica svolta dal Servizio di Sanità animale di questa ASP e trascorsi 60 giorni, previsti per legge, dall’ultimo caso di Blue tongue accertato nell’azienda focolaio.

Per effetto della revoca anzidetta gli allevamenti delle specie sensibili alla Blue Tongue (bovini e ovini) della provincia di Ragusa sono compresi: in parte – circa 1.000 allevamenti – in zona di protezione, in parte – circa 700 allevamenti – in una nuova zona infetta; quest’ultima, che include parte dei territori di Giarratana, Chiaramonte, Modica e Ragusa, è stata determinata da un nuovo focolaio di Blue Tongue (sierotipo 1 e 4) accertato in territorio di Noto in data 04/03/2019.

La movimentazione degli animali da allevamento appartenenti alle specie sensibili alla blue tongue (bovini e ovicaprini), stante le attuali disposizioni del Ministero della Salute è, pertanto, regolata come segue:

A. per i capi detenuti in allevamenti che ricadono in zona di protezione:

libera movimentazione su tutto il territorio regionale;
movimentazione verso territori indenni di altre Regioni alle seguenti condizioni:
esito negativo al test PCR degli animali da movimentare effettuato a cura dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale, nei sette giorni precedenti la movimentazione;
trasporto degli animali effettuato nelle ore diurne;
automezzi trattati con insetticida autorizzato;
animali protetti individualmente dall’attacco degli insetti vettori del virus mediante trattamento con insetto repellenti da almeno una settimana prima del trasporto, nel rispetto delle specifiche fornite dalla ditta produttrice del prodotto;
trasporto in vincolo sanitario degli animali direttamente all’azienda di destinazione.
B. per i capi detenuti in allevamenti che ricadono in zona infetta (sierotipi 1 e 4):movimentazione nell’ambito della Regione Sicilia previa vaccinazione
movimentazione fuori dal territorio regionale previa vaccinazione e test PCR negativo nei 7 gg precedenti lo spostamento.

Gli uffici Veterinari dei Distretti di Ragusa, Modica e Vittoria sono comunque a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti.
Si precisa che la Blue Tongue è provocata da un virus assolutamente non patogeno per l’uomo. Si tratta di una malattia limitata all’ambito zootecnico relativamente alla quale non esiste alcun rischio per la popolazione umana.