Asd Ragusa Calcio 1949 si aggiudica 3 punti sul campo dello Sporting Eubea

63
Asd Ragusa Calcio 1949 - Sporting Eubea

Mercoledì c’è il ritorno di Coppa con l’Acquedolcese Nebrodi

 

Una vittoria importantissima. Per il morale e per la classifica. Tre punti che arrivano in un momento topico della stagione quelli conquistati ieri dall’Asd Ragusa Calcio 1949 sul difficile campo dello Sporting Eubea.

Una partita double-face per gli azzurri. Dove nel primo tempo hanno soprattutto badato a contenere le folate offensive dei padroni di casa mentre, nella ripresa, hanno preso in mano il pallino del gioco e sono riusciti a passare per due volte, in entrambe le occasioni sfruttando al meglio i calci piazzati. Le reti di Ricca e Passewe consentono al Ragusa di conservare la testa della classifica, di mantenere a debita distanza, quattro lunghezze, il Real Siracusa Belvedere, che ha però disputato una partita in meno, e di guardare al futuro con maggiore consapevolezza delle proprie possibilità.

Futuro che per il Ragusa si chiama, intanto, Acquedolcese Nebrodi visto che gli azzurri saranno impegnati mercoledì in trasferta sul terreno di gioco peloritano per cercare di mantenere il vantaggio maturato all’andata, 1-0, nei quarti di finale di Coppa Italia, altro obiettivo rispetto a cui la società del presidente Nicola D’Amico intende arrivare sino in fondo. E poi, sabato 16 febbraio, allo stadio Aldo Campo di contrada Selvaggio, il calendario mette di fronte le due prime della classe, in un match che potrebbe già risultare decisivo ai fini del prosieguo del campionato. Insomma, saranno, i prossimi, sei giorni ricchi di eventi in qualche modo decisivi per la formazione azzurra.

“A questo punto – afferma il tecnico Filippo Raciti – possiamo dire di avere superato lo scoglio di Licodia Eubea nella maniera migliore anche se, in campo, è stata una vera e propria battaglia. Loro sono partiti fortissimo, ci hanno messo in pesante difficoltà, soprattutto sul piano agonistico hanno cercato di fare valere il fatto che erano più abituati, ovviamente, ad esprimersi su un campo in terra battuta. Per quanto ci riguarda, abbiamo cercato di rimediare, con la voglia di vincere, ai mezzi passi falsi compiuti nelle ultime gare. E ora ci prepariamo a sostenere le sfide più importanti. Devo fare i miei complimenti ai ragazzi perché non si sono disuniti nel momento in cui abbiamo subito il pareggio e, anzi, hanno cercato di reagire. Abbiamo creato una palla gol nitida sul finire del primo tempo e, poi, nel secondo, abbiamo gestito con più oculatezza la manovra, abbiamo ragionato di più e i risultati si sono visti. Non era una partita semplice. Abbiamo cercato di gettare, come sempre accade in queste occasioni, il cuore oltre l’ostacolo. E abbiamo avuto ragione. E, però, dobbiamo continuare a battere sempre sullo stesso tasto perché, ormai lo abbiamo capito, nessuno ci lascia passare. E, contro di noi, giocano sino allo sfinimento pur di averla vinta. Continuiamo ad andare avanti sapendo che ci sono dei risultati importanti da raggiungere e che stiamo facendo il possibile per rimanere in linea con i programmi”.

Oggi, intanto, il Ragusa torna di nuovo in campo per allenarsi in vista della trasferta sul campo dell’Acquedolcese Nebrodi in programma mercoledì 13 febbraio per il ritorno di Coppa.