L’Asd Ragusa Calcio 1949 batte la barrese in trasferta e torna in testa alla classifica

118
Asd Ragusa Calcio 1949 - promozione

Asd Ragusa Calcio 1949 si prepara al big match con l’Enna di domenica prossima

Ci voleva un bel riscatto. E ritornare in testa alla classifica. Rimediando al brutto passo falso di domenica scorsa. Tutte condizioni che si sono concretizzata ieri a Barrafranca. L’Asd Ragusa Calcio 1949 si trova a comandare il girone D del campionato di Promozione, anche se con una partita in più rispetto alla diretta contendente, l’Enna, uscita sconfitta dal catino di Pozzallo, ma vale la pena di ricordare che domenica ci sarà lo scontro al vertice che si giocherà allo stadio Aldo Campo di contrada Selvaggio. Andiamo con ordine, però.

Ieri, gli azzurri si sono imposti con il risultato di 4-1 sulla Barrese. Le reti di Valenca, Furnò, Passewe e Gargiulo hanno reso giustizia dopo la debacle casalinga della domenica precedente. Bella forza, si dirà, visto che si scontravano la prima e l’ultima della classe. Ma sul piano mentale poteva essere una sfida molto insidiosa. Gli azzurri, a parte le assenze di Ricca e Mazza, entrambi squalificati, assieme al tecnico, Filippo Raciti, dovevano fare i conti con l’esordio assoluto tra i pali del portierino Giovanni La Licata, che ha preso il posto dell’infortunato Peppe Aglianò, per non parlare delle problematiche influenzali che avevano caratterizzato, in negativo, tutta la settimana scorsa. Nonostante tutto, il match si è incanalato da subito sui binari giusti, con la rete di Valenca arrivata dopo appena cinque minuti. Certo, la Barrese, che ha subito anche la seconda rete, ha cercato di portarsi sotto, con un calcio di rigore che aveva fissato il parziale sul 2-1. Ma il Ragusa non si è fatto sorprendere e ha chiuso il match già nella fase finale del primo tempo con la terza rete di Passewe mentre nella ripresa è arrivato pure il sigillo del gigante Gargiulo.

“Era una sfida per nulla semplice, lo confermo – sottolinea l’allenatore Raciti che ha seguito la partita dalla tribuna mentre il suo posto in panca è stato rilevato dal vice Giuseppe Tavolino a cui lo stesso Raciti rivolge i complimenti per la gestione attenta della gara – ma eravamo scottati dal match casalingo del turno precedente e siamo scesi in campo con una rabbia sportiva in corpo che ci ha consentito subito di sbloccare il risultato. Poi, siamo stati attenti a gestire l’andamento dell’incontro e a far sì che il risultato potesse vederci sempre avanti. Devo ringraziare i ragazzi perché hanno seguito lo staff tecnico con la massima attenzione. E, tutti assieme, abbiamo deciso di dedicare questa bella vittoria a Peppe Aglianò visto che, per l’infortunio, non ha potuto essere del match”.

E ora l’Enna.

“Al momento pensiamo a goderci questo successo – continua Raciti – e non penso neppure alla battuta d’arresto che ha avuto l’Enna sul campo del Pozzallo perché dobbiamo solo credere nelle nostre potenzialità e diventare arbitri del nostro destino. Da domani ci concentreremo sulla prossima sfida. E’ chiaro che domenica con l’Enna, che giocherà lo ricordo mercoledì il recupero casalingo con la Don Bosco Aidone e che quindi potenzialmente potrà tornare ad affiancarci in classifica, ci vorrà la partita migliore della stagione. Nutro parecchia fiducia in questo gruppo perché ci ha sempre dato dimostrazione della propria professionalità. Vedremo che cosa succederà. Noi ci faremo trovare pronti”.

Un ultimo ringraziamento, poi, Raciti lo rivolge ai tifosi che hanno sfidato gelo e distanze e hanno sostenuto i colori azzurri pure sul campo di Barrafranca.

“Spero soltanto che domenica prossima – continua l’allenatore – saranno in tanti a supportarci sulle gradinate dello stadio Aldo Campo di contrada Selvaggio”.