L’arte dei muri a secco patrimonio dell’Unesco

173
muri a secco - unesco - italia

E’ quanto si legge in un post sul profilo Twitter dell’organizzazione che si congratula con gli 8 paesi europei che hanno presentato la candidatura

 

Le mura a secco italiane e quelle degli altri Paesi europei che hanno presentato la candidatura, sono state aggiunte oggi alla lista dell’Unesco del mondo patrimonio dell’umanità.

L’agenzia culturale dell’Onu ha annunciato la novità su twitter ringraziando i Paesi che hanno fatto la candidatura. L’Unesco ha riconosciuto l’importanza dei muri a secco ma soprattutto l’arte con cui sono costruiti con pietre impilate una sull’altra senza utilizzare altro materiale se non terra asciutta. È una tecnica che risale a tempi preistorici ed è indicativa di un rapporto armonico tra umani e il mondo naturale.

Il comitato, che ha vagliato la proposta ha dichiarato che la candidatura è conforme ai criteri di patrimonio culturale intangibile. Tra questi criteri c’è il fatto che la tecnica è “vivente”, cioè è ancora di uso comune, e il ruolo fondamentale che gioca nella conservazione dell’ambiente e del paesaggio.

L’Unesco è rimasta particolarmente impressionata dalla cooperazione internazionale nello scambio delle migliori pratiche per il mantenimento in vita della tecnica.