“Strage generazionale”: migliaia i giovani che lasciano la Sicilia

964
strage generazionale - def - sicilia

La nota di aggiornamento al Def: “In corso una strage generazionale”

 

In Sicilia “è in corso una “strage generazionale” con “decine di migliaia di giovani” che “abbandonano” l’isola “ritenendola una terra senza futuro”. E’ una fotografia impietosa quella che emerge dalla nota di aggiornamento del Def regionale, approvata dal governo Musumeci.

“Diplomati e laureati, il meglio delle nuove generazioni alle quali dovremmo affidare le possibilità di sviluppo, dopo esser stati educati e formati in Sicilia, con grandi sacrifici per le famiglie, affidano le speranze di lavoro all’emigrazione senza ritorno”, ammette il governo. Per il quale “sembra ormai prevalere un’irrimediabile percezione della decrescita che tracima in una vera e propria frattura del sistema del diritti di cittadinanza che si misura nel livello dei servizi pubblici i quali, nonostante la pur lievissima ripresa di Pil e occupazione, rimane drammaticamente più basso del centro-nord”.

Il governo siciliano ribadisce che sono “effetti di una politica economica statale che nell’ultimo decennio ha investito sempre meno e peggio le proprie risorse al Sud, ma anche della mala amministrazione senza visione ed attenzione alle future generazioni”.