Marina di Ragusa, mancano le pensiline alle fermate degli autobus: delegata del Pd Bellina sollecita intervento

230

Antonella Bellina sollecita l’intervento dell’amministrazione comunale a sostegno soprattutto degli studenti pendolari

 

“Da anni, come delegata del Partito Democratico e da residente della frazione, porto avanti una proposta che nessuna amministrazione precedente ha preso mai in seria considerazione. Parlo dell’annoso problema della mancanza delle pensiline alle fermate degli autobus”.

A dirlo è Antonella Bellina delegata per il Pd di Ragusa sulle problematiche della frazione rivierasca di Marina.

“Come ben sappiamo – chiarisce – la stagione scolastica è entrata nel vivo e come ogni anno si presenta e ripete il grave disagio degli studenti pendolari che da Marina devono raggiungere Ragusa. Giovani che giornalmente devono fare i conti con le continue intemperie invernali. Il vento e la pioggia mettono a serio rischio la salute dei nostri ragazzi che, obbligatoriamente, per raggiungere le strutture scolastiche devono muoversi con i mezzi pubblici. Ovviamente, il problema, oltre a Marina, riguarda anche le fermate in prossimità degli istituti scolastici. Prendo ad esempio il Galileo Ferraris, istituto sito in contrada Annunziata, zona che come sappiamo è molto esposta a temperature rigide, ventose e piovose. L’istituto è frequentato da un cospicuo numero di studenti che non solo sono penalizzati dalla mancanza di pensiline ma anche da disagi provocato dalla ditta appaltatrice del trasporto degli studenti pendolari. Basti pensare che la ditta in questione ha pensato bene di sopprimere la corsa delle 13 (corsa che si effettua per tutti gli altri istituti) mettendo a disposizione due pullman alle 14. Senza rendersi conto delle gravi e serie difficoltà che determina a tutti quegli studenti che, uscendo da scuola alle 13, sono costretti ad aspettare per un’ora il bus. Per questi motivi mi rivolgo e chiedo al sindaco Cassì ed all’assessore competente di vigilare e dimostrare per i nostri ragazzi un po’ di sensibilità, venendo incontro alle loro esigenze. Pensiamo che con un costo contenuto si possa garantire loro tutela ed incolumità”.