Ragusa, ragazzina racconta alle insegnanti gli abusi del patrigno

1236

Misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinarsi alla vittima per un ragusano

 

Ha raccontato alle insegnanti delle turpe attenzioni del patrigno nei suoi riguardi sin da quando aveva solo sei anni. E le professoresse, ascoltare quel terribile racconto, hanno subito avvertito la Polizia.

La Squadra Mobile ha avviato le indagini e dopo avere raccolto gli elementi di prova ha inviato alla Procura di Ragusa un rapporto giudiziario che ha consentito di chiedere ed ottenere dal gip un provvedimento cautelare che, almeno per il momento, allontana dalla casa familiare e gli vieta di avvicinarsi alla vittima, nei confronti di uomo residente a Ragusa.

Il racconto della bambina è stato raccolto in un verbale e la piccola è stata assistita da una psicologa durante tutte le fasi dell’indagine. Le indagini si sono protratta per mesi ed hanno permesso di raccogliere, tramite intercettazioni e audizioni di persone informate sui fatti, gravi indizi di colpevolezza a carico dell’indagato.