Giarratana, la minoranza: “L’amministrazione Giaquinta, oltre il danno pure la beffa”

1315
giarratana - minoranza

Riportiamo le nota del gruppo consiliare di minoranza del Comune di Giarratana

 

“Giorno 30 Aprile l’Assemblea Regionale Siciliana ha approvato la finanziaria, nella quale sono stati approvati due importanti emendamenti: il primo ha permesso ai comuni che hanno superato il 65% di raccolta differenziata di ottenere maggiori trasferimenti (nel dettaglio sono stati stanziati 5 milioni di euro per i 31 Comuni che hanno raggiunto questo obiettivo, e tra questi risulta la vicina Monterosso Almo, che ha ottenuto l’importo di € 94.770,31 ); il secondo ha permesso ai Comuni che hanno aderito al circuito dei “Borghi più belli d’Italia” di ottenere, in forza del prestigioso riconoscimento, ulteriori trasferimenti.

Nel dettaglio i 16 comuni che hanno questo titolo si divideranno 700.000,00 euro (e ancora una volta Monterosso rientra tra questi, ed ha ottenuto € 35.162,33).

Tutto ciò dimostra, ancora una volta, l’inadeguatezza e l’incompetenza dell’Amministrazione Giaquinta. Se i nostri amministratori avessero avuto maggiore attenzione e programmazione nelle attività e nelle iniziative da intraprendere per migliorare le condizioni di Giarratana, oggi, grazie ad un Governo Regionale attento alle esigenze delle comunità, si sarebbero potuti ottenere più trasferimenti, e di conseguenza, investire queste somme per abbattere la pressione fiscale, per far fronte agli incrementi dei costi del servizio di raccolta rifiuti, per sistemare le strade interne ed esterne, per migliorare il decoro urbano, o per andare incontro alle esigenze dei più deboli.

Quanto accaduto, dimostra che il nostro gruppo aveva individuato una buona strada da percorrere. Come più volte detto in campagna elettorale: quanto ai rifiuti, era nostro obiettivo far sì che Giarratana potesse adeguarsi a quanto previsto dalla legge e raggiungere degli ottimi risultati in tema di Raccolta Differenziata; quanto al turismo, tra i nostri punti di programma, vi era quello di aderire al circuito dei Borghi più Belli d’Italia, in quanto è un modo valido per far affermare e far conoscere le numerose bellezze turistiche della Città (feste, sagre, monumenti e storia sono ciò che ci rende la Perla degli Iblei).

Speriamo, veramente, per il bene di Giarratana che questa amministrazione, una volta per tutte, iniziasse a governare curando gli interessi della città, piuttosto che comportarsi come una società di riscossione delle tasse, ascoltando i bisogni dei cittadini che sono sempre più stufi di essere visti, solo e sempre, come un bancomat da cui prevalere soldi”.

 

Giarratana lì,  02 Maggio 2018

Il Gruppo Consiliare #Giarratana2.0 E’ tempo di cambiare