Turismo, i russi amano la Sicilia: boom di presenze e voli diretti

231
russi - turismo - sicilia

I dati resi noti dalla Sac (Aeroporto di Catania) al forum Italia-Russia: “Un mercato dal forte potenziale, 94 mila arrivi nel 2017”

 

I turisti russi scelgono sempre più spesso la Sicilia per le loro vacanze e non si fermano più alle tradizionali mete italiane come Roma e Venezia. E soprattutto sempre più russi vanno in vacanza con disponibilità economiche crescenti.

Un trend positivo confermato al Forum Italia-Russia: “Sac guarda con attenzione al mercato russo e alla potenzialità economiche e culturali di un paese che conta ben 144 milioni di abitanti”, ha confermato Daniela Baglieri, Presidente Sac, società di gestione dell’Aeroporto di Catania, nell’ambito del X Forum Italia-Russia, che si è appena svolto a Catania.

“Il 2017 ha visto un transito generale a Catania di 94mila passeggeri da/per la Russia, 65mila dei quali hanno viaggiato bordo dei voli diretti dei tre vettori che operano da Fontanarossa per Mosca, San Pietroburgo ed Ekaterinburg. Fra questi S7 esprime i maggiori numeri: 32mila i passeggeri trasportati dalla prestigiosa compagnia russa che ha debuttato a Catania lo scorso anno con un vero e proprio exploit”.

“Quello con la Russia è un mercato in prevalenza leisure, ossia turistico, che per la Sicilia Sud-Orientale rappresenta un giacimento straordinario per i numeri che potrà esprimere in termini di presenze. Senza contare il valore aggiunto di una compagnia di linea, con servizi di qualità e collegamenti periodici e non episodici che garantiscono continuità, progettazione e pianificazione a tutto l’universo di imprese e all’indotto generato dal turismo. Al via una parnership fra SAC ed S7 che prevede per agenzie e tour operator una riserva di posti, a bordo degli aeromobili, a tariffa fissa così come per camere doppie con gli alberghi convenzionati”.