Giarratana, minoranza abbandona consiglio comunale a causa dell’atteggiamento di ostruzionismo dell’amministrazione

1090
consiglio comunale - giarratana - minoranza

Documentazione relativa al consiglio comunale è stata comunicata appena 24 ore prima del consiglio comunale

 

Ieri sera la seduta del consiglio comunale di Giarratana è stato abbandonato dai consiglieri di minoranza a causa del continuo atteggiamento di ostruzionismo portato avanti dall’amministrazione.

I consiglieri di minoranza lamentano il fatto che la documentazione relativa al consiglio comunale è stata comunicata appena 24 ore prima del consiglio, ma nel giorno del consiglio non è stato possibile chiedere chiarimenti negli uffici appositi in quanto giorno libero della ragioniera e giorno in cui la segretaria comunale era assente.

Di conseguenza, nonostante la buona volontà e il buon senso di cui erano armati, non è stato possibile chiedere nulla. Così si è reso manifesto l’ennesimo atto di ostruzionismo di un amministrazione che annuncia aperture, presunti Patti sociali, per poi continuamente chiudere la porta in faccia all’opposizione e alle richieste dei cittadini.

Il consigliere Micieli dichiara: “Questi sono gli Auguri di Pasqua dell’amministrazione comunale, l’aumento del 10% della tariffa TARI per l’anno 2018. Esaminando il piano proposto dall’amministrazione si riscontra un aumento medio pari a circa 25 euro per utenza. Una assurdità resa ancora più grave dal fatto che, secondo quanto espresso dalla relazione sul piano finanziario redatto, la differenziata non porta nessun beneficio in termini economici, infatti non vengono previsti introiti da tale voce, nonostante il miglioramento di quasi il 5% di rifiuti differenziati rispetto all’anno precedente”.

Aggiunge: “A rendere ancora più grave il quadro si aggiunge l’atteggiamento di ostruzionismo dell’amministrazione nei confronti dei consiglieri comunali tutti, infatti, non solo è stato indetto un consiglio comunale urgente, che da la possibilità di accesso agli atti appena 24 ore prima, ma si è scelto un giorno in cui erano assenti sia la ragioniera comunale, avendo il giorno libero, sia la segretaria comunale, così che nonostante le buone intenzioni non è stato possibile avere alcun chiarimento sulla documentazione: non è certamente colpa degli uffici addetti, ma di una amministrazione che frettolosa partorisce gattini ciechi ! Una amministrazione accorta basa le scelte su criteri improntati alla programmazione in tempi adeguati e contemperando anche letture attente sulle scelte da porre in atto non dimenticando la insostenibile pressione fiscale che grava sulla nostra cittadina. Costato che il piano presentato dall’amministrazione manca di programmazione ed è tutto a scapito della cittadinanza gravando tutto sui cittadini, costatando l’ostruzionismo dell’amministrazione che rende vuoto di significato il consiglio comunale, trasformandola in un’aula vile, abbiamo deciso di abbandonarla”.

Il consigliere Garofalo: “Sottolineo la superficialità di questa amministrazione. Mi chiedo come sia possibile inserire un ordine del giorno così importante in un consiglio urgente. Non abbiamo avuto nessuna possibilità di apportare emendamenti, perché non abbiamo potuto effettuare uno studio approfondito su questo argomento. Un argomento così importante per i cittadini, ovvero l`approvazione del piano finanziario sulla TARI, non è giusto che venga trattato in fretta ed in furia per rispetto dei termini di legge. Il presidente, inoltre, ancora una volta non indice la conferenza dei capi gruppo, che questa volta sarebbe stata necessaria, data l`importanza dell`argomento”.

Il consigliere Noto: “Non ci si poteva comportare diversamente se non abbandonare l’aula, si annunciano aperture, presunti parti sociali da stabilire, per poi vederci sbattere la porta in faccia con un continuo atteggiamento di ostruzionismo. Su una tematica così importante è stato fatto tutto di fretta . Non ci si può giustificare sempre a fronte di un aumento sempre continuo della tassazione nei confronti dei cittadini. Così il prossimo anno avremo un aumento medio di 25 euro a utenza, adesso aspettiamo quale altro regalo questa amministrazione farà ai suoi cittadini”.