Ryanair, dal 15 gennaio la rivoluzione del bagaglio a mano

202
3D imagery, 737 MAX, MAX, 737 MAX 7, 737 MAX8, 737 MAX 9

Attuazione del programma “Always Getting Better”. Troppi clienti usufruiscono della possibilità di portare in cabina gratuitamente valigia a mano e borsetta, ma non è disponibile spazio sufficiente nelle cappelliere, e ciò causa numerosi ritardi

 

La novità fa parte del programma “Always Getting Better” della compagnia aerea per ridurre il numero di quelli che si recano al gate d’imbarco con due bagagli.

A fare la differenza sarà l’acquisto dell’imbarco prioritario, cioè la possibilità di salire sull’aereo prima degli altri passeggeri, o di tariffe non base. Solo così si potrà portare a bordo il trolley oltre a uno zainetto, una borsa o un porta computer. Altrimenti il bagaglio resta gratuito, ma finirà etichettato in stiva.

Verso la fine della coda capitava spesso che le cappelliere fossero piene e gli ultimi in fila fossero costretti a consegnare il bagaglio alle hostess, non senza discussioni.
L’acquisto dell’accesso prioritario costa intorno ai 5-6 euro a seconda della tratta, mentre c’è stato un abbassamento del prezzo di acquisto della valigia da stiva, con un aumento del peso. L’obiettivo è rispettare la puntualità (l’alta rotazione dei voli e una permanenza ridotta all’osso negli aeroporti, per tempi e servizi di terra, sono l’altra caratteristica di Ryanair).
Per chi sono si adegua sono previste sanzioni: la mancata osservanza di queste nuove regole comporterà il pagamento di una penale pari a 50 euro per articolo al gate di partenza.