Domani sciopero nazionale delle categorie professionali mediche

138

Sciopero nazionale a sostegno della vertenza/trattativa sul rinnovo del Contratto nazionale indetto dalle organizzazioni sindacali

 

Si lotta per sostenere il Diritto dei cittadini italiani ad essere curati e per il diritto dei medici ad assicurare le cure migliori.

Si lotta per una civile e forte difesa della Professione, come riconoscimento della sua autonomia, dei livelli retributivi e del ruolo di tutela per i cittadini. Si lotta anche per la fine del precariato in tutti i settori della Sanità Pubblica, per la creazione di nuova occupazione e per l’aumento dei contratti di formazione specialistica per i giovani laureati, contro il progressivo definanziamento del Servizio Sanitario Nazionale.

In Sicilia è stato organizzato un SIT IN dalle ore 10.00 in Piazza Ottavio Ziino, di fronte la sede dell’assessorato regionale alla Salute. Le organizzazioni sindacali della dirigenza medica hanno formalmente avanzato al neo assessore regionale Ruggero Razza, un incontro urgente per affrontare i tempi più caldi:
– Rielaborazione della Rete ospedaliera che necessita di urgente revisione;
– Una completa, omogenea e razionale definizione delle procedure di reclutamento del personale e stabilizzazione di tutti i dirigenti precari;
– Percorso condiviso per la definizione delle piante organiche negli ospedali e nel territorio;
– Rapporto tra Università e servizio sanitario della Regione Sicilia.

Anche Ragusa ha deciso di aderire allo sciopero.