Istat, disoccupazione settembre a 11,1%

69

Si mantiene su minimi da cinque anni. Per giovani sale al 35,7%

 

A settembre il tasso di disoccupazione risulta pari all’11,1%, lo stesso livello di agosto. Lo rileva l’Istat. Il tasso si mantiene quindi sui minimi da cinque anni (settembre 2012). Invece, il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) risale al 35,7%, con un aumento di 0,6 punti percentuali su base mensile.

A settembre gli occupati sono sostanzialmente stabili rispetto ad agosto (+2 mila), dopo la crescita degli ultimi mesi. L’Istat  sottolinea che su base mensile aumentano i lavoratori indipendenti (+19 mila), mentre calano i dipendenti (-17 mila) interrompendo l’andamento positivo registrato dall’inizio dell’anno. Tra i dipendenti il calo, si evidenzia, riguarda esclusivamente i lavoratori permanenti (-18 mila), a fronte della stabilità tra quelli a termine. Su base annua gli occupati salgono invece di 326 mila unità.

Il tasso di occupazione della fascia tra i 50 e i 64 anni sale ancora, attestandosi al 59,4%. Si tratta del livello più alto dall’inizio delle serie storiche, partite nel 1977, quaranta anni fa. Negli ultimi anni la crescita dell’occupazione over50 è stata pressoché ininterrotta, aggiornando sempre nuovi record, anche a causa dell’inasprimento dei requisiti per la pensione. Dal periodo pre-crisi, metà 2008, il tasso è salito di circa 12 punti. Gli occupati over50 sono pari a 8 milioni 240 mila.