Grande partecipazione al terzo meeting di Lab 2.0

542

“Il nostro sarà il governo del popolo, non degli onorevoli. Diceva don Tonino Bello: “La rivoluzione è l’arte di sognare insieme”. E quella sarà la nostra unica rivoluzione”. E’ questo l’invito che Sonia Migliore, consigliere comunale, portavoce del Laboratorio politico 2.0, ha rivolto a militanti, iscritti e simpatizzanti a conclusione del meeting tenutosi questa mattina nell’auditorium della Camera di Commercio all’insegna dello slogan “Chiamalacittà”. Sala gremita di cittadini a testimonianza di come l’attenzione per il Lab 2.0 sia in costante crescita da parte dei ragusani. Sonia Migliore ha concluso l’appuntamento con un intervento intriso di passione e determinazione. “Il 4 aprile del 2014 – ha detto – nasceva il Laboratorio 2.0 che non è un partito né un movimento, piuttosto è una aggregazione di idee e di persone, di progetti e iniziative che, in un continuo processo di analisi dei problemi, ascolto e coinvolgimento dei ragusani tutti, ha avuto ed ha la missione di dare un significativo contributo al cambiamento e allo sviluppo della città. Una città, Ragusa, che è apparsa e appare in preda a uno sconforto corale, attraversata da una crisi culturale, economica e sociale senza precedenti, che la priva di tutti quegli stimoli in grado di favorire una riflessione collettiva sul suo futuro. Il Laboratorio per primo ha capito il declino del dibattito politico, partitico e del Consiglio comunale, ha preso le distanze dei partiti, che sempre più si allontanano dai veri problemi della gente, e ha cambiato le regole invertendo la piramide con una costruzione dal basso, partendo dalla partecipazione democratica e vera dei cittadini fino a diventare la “casa del popolo”, degli ultimi, di chi non ha voce, di chi subisce le ingiustizie sociali”. Migliore ha sottolineato, inoltre, che la bandiera di Lab 2.0 sventola per i principi della legalità, equità sociale e democrazia. “Eravamo in pochi – ha sottolineato – e oggi, dopo tre anni, che celebriamo con il nostro meeting, ci esaltiamo per la crescita esponenziale degli iscritti e per una straordinaria classe dirigente”. “Per primi, poi – ha proseguito Migliore – ci siamo resi conto della vacuità dell’inconsistenza del governo Piccitto che ha condotto Ragusa indietro di vent’anni, un governo inadeguato al ruolo che ha non capito le esigenze dei ragusani, che non ha saputo cogliere la straordinaria occasione di fare alcune cose importanti con un Comune ricco nelle mani. Con la collega Manuela Nicita, abbiamo onorato sempre il dibattito in Consiglio comunale. E lo abbiamo fatto con centinaia e centinaia di interventi, oltre 600 emendamenti, oltre 100 interrogazioni e circa 120 iniziative consiliari e proposte, senza dimenticare la raccolta di oltre cinquemila firme per la riduzione delle tasse”. Sonia Migliore ha poi parlato delle prospettive future. “Abbiamo il compito – ha chiarito – di ridare la speranza e un cuore a una città che non ha più un’anima. E perciò abbiamo il dovere, assieme alle altre forze politiche, di fermarci e fare un ragionamento insieme. Apriamo le porte a tutte le forze politiche, civiche, da ritenersi sane e della società civile, per costruire insieme un grande progetto per Ragusa, un grande polo civico per il buon governo della città”. La portavoce di Lab 2.0 ha elencato, poi, tutti i progetti in programma, dallo sviluppo economico ai servizi sociali, passando per la tutela degli animali e l’urbanistica, grazie anche al supporto dei componenti del direttivo che sono intervenuti: Livio Tumino, vicepresidente Lab 2.0, la consigliera Nicita, Alberto Distefano, portavoce Giovani, e Oriana La Licata, responsabile del settore Sviluppo occupazionale. I numerosi presenti hanno applaudito più volte i passaggi dell’intervento di Sonia Migliore e degli altri rappresentanti del direttivo sino all’ovazione conclusiva. Un ringraziamento, poi, è stato rivolto alle personalità presenti. Tra gli altri: Giovanni Iacono di Partecipiamo, Francesco Barone, già assessore a Ragusa, Andrea Nicosia, presidente Consiglio comunale Vittoria, Daniele Barrano, consigliere comunale Vittoria, Nino Capozzo presidente regionale Anmil, rappresentanti di Ens e Uic, esponenti dei sindacati Cgil e Cisl, Simone Di Grandi dell’associazione Youpolis.