L’USD Monterosso: “Chi sbaglia paga”, sì allo sport sano e al rispetto dell’avversario

1099

Una partita conclusa con l’amaro in bocca, quella tra l’USD Monterosso Calcio e la Criscione Lupis : aldilà dei gol segnati, a fare notizia è l’atteggiamento poco decoroso di due componenti della squadra monterossana nei confronti dell’arbitro e il risentimento della squadra avversaria.

I dirigenti, l’allenatore e gli altri componenti dell’USD Monterosso, si sono immediatamente adoperati, sul campo, a placare l’impulsività dei due ragazzi e hanno subito dichiarato la loro distanza rispetto al comportamento scorretto dei propri giocatori.

Il presupposto è che non si può fare di tutta l’erba un fascio e dunque la squadra non può essere identificata con l’atteggiamento di qualcuno che la compone soprattutto se questo non è consono allo spirito sportivo di condivisione, rispetto, lealtà e divertimento.

Molti, infatti, non hanno esitato a giudicare l’intera squadra negativamente nonostante l’evidenza della non condivisione di tutti i componenti  dell’USD Monterosso rispetto a quanto accaduto.

Attraverso un comunicato ,reso pubblico attraverso la loro pagina face book, l’ USD Monterosso ribadisce gli enormi sacrifici di formare, seguire e fare squadra che, oltre a quelli di raggiungere obiettivi importanti, non possono e non devono passare in secondo piano.

La squadra monterossana, invece, tiene a sottolineare che il loro primario obiettivo è promulgare, attraverso la scuola calcio, i valori del sano sport e del rispetto per l’avversario.

Chi sbaglia paga” si legge nel comunicato:  e per questo ci sono le punizioni, si chiede scusa, si ammette l’errore ma etichettare una squadra negativamente per gli sbagli di due giocatori, è  allo stesso modo un atteggiamento eccessivo e superficiale.