Premiato il Presepe Vivente più bello di Sicilia: quello di Monterosso Almo

889

In una società che ben volentieri, purtroppo, dimentica le proprie tradizioni, le proprie radici, la propria storia, acquista maggior rilevanza l’interesse di chi si sforza per tutelarla, difenderla e promuoverla.

In questo contesto, la tradizione del Presepe, rappresenta la volontà di custodire la vera essenza del Natale: la storia di un Bimbo divino che nasce in una capanna per rivelare al mondo il suo amore per gli uomini.

Una storia che cambia la storia e che, nel Presepe, viene riproposta assumendo i colori e le sfumature di chi lo realizza.

A Monterosso Almo, il Presepe ha dimensione umana: non statuine,né luci ad intermittenza né costruzioni di cartongesso ; il Presepe del piccolo Borgo in provincia di Ragusa è vivente e inserito in un contesto non artificioso ma reale.lintagliatore-di-flauti

Vivente perché a costituirlo sono persone e personaggi che si incastonano nelle varie scene per far rivivere le antiche arti, gli antichi mestieri e la semplicità del tempo passato.  Nessun attore: u curdaru conosce realmente quell’arte così come u scarparu, u firraru o u sapunaru. Niente è lasciato al caso: la cura di ogni dettaglio, l’illuminazione soffusa e con le candele, gli odori della legna che brucia o del gregge che giace in un recinto si mescolano ai suoni, alle parole, ai canti che accompagnano il visitatore fino alla grotta.

Lì, invece, tutto tace. Non servono parole né altro. La scena, in sé stessa, è carica non solo di significato e storia, ma anche curata in maniera tale da suscitare, al visitatore, sentimenti di stupore, meraviglia e addirittura desiderio di preghiera.

Ad ospitare la Natività è una grotta naturale che si presta perfettamente alla situazione.

Per tutti questi motivi, il Presepe di Monterosso è giunto conseguendo numerosi successi fino alla 32esima edizione, quella di quest’anno.

Ieri, 12 Dicembre, il prof. Vincenzo Piccione, presidente dell’associazione culturale regionale “Amici del presepe delle Madonie e di Sicilia”, ha consegnato a Paolo Tavano, presidente dell’Associazione  “Amici del Presepe ” di Monterosso Almo la targa che attesta, quello di Monterosso, come “migliore rappresentazione vivente di Sicilia per l’anno 2015-2016”.

Alla manifestazione, tenuta presso l’auditorium comunale del paese, era presente anche il sindaco della città, il dott. Paolo Buscema e alcuni membri della giunta oltre ai numerosi partecipanti al presepe e simpatizzanti.

Per Monterosso, infatti, è motivo d’orgoglio: venire al Presepe Vivente diventa così l’occasione giusta per visitare e conoscere il piccolo Borgo, insignito tra i “più belli d’Italia” e rivivere la magia del Presepe attraverso le nostre tradizioni, la nostra cultura e storia.

Le date della 32esima edizione del Presepe Vivente sono: 26 Dicembre2016 , 1-6-7-8 Gennaio 2017.img_7993

Il Presepe si svolge nel Quartiere Matrice, la parte storica del paese. Il corteo che dà avvio alla rappresentazione vivente parte da Piazza San Giovanni alle ore 17.30 e prevede l’arrivo di Giuseppe e Maria accompagnati da un asinello.