Aeroporto Comiso, Sac: crediamo in integrazione con Catania

274

“Crediamo fermamente nel sistema aeroportuale integrato Catania-Comiso e faremo quanto nei nostri mezzi per potenziarlo, con piena fiducia in un progetto in cui crediamo con convinzione”. Lo affermano in una nota – dopo che è andato deserto per la terza volta il bando per l’incentivazione delle rotte per l’aeroporto di Comiso che prevedeva un impegno finanziario di 1,6 milioni di euro – i vertici di Sac, il presidente Daniela Baglieri e l’amministratore delegato Nico Torrisi, che aggiungono: “Accogliamo positivamente poi la volontà dell’Ars di destinare ai Comuni di Trapani e Comiso fondi per un totale di 5,5 milioni di euro a sostegno dei rispettivi scali. una scelta che conferma la volontà dell’Assemblea Regionale Siciliana, così come della giunta, che ringraziamo, di tutelare i territori e i loro asset più preziosi”. La notizia dei fondi regionali è arrivata qualche ora dopo la scadenza del bando andato deserto, “che evidentemente – hanno spiegato Rosario Dibennardo ed Enzo Taverniti, il presidente e l’ad di Soaco Rosario Dibennardo e Enzo Taverniti – non ha attratto a sufficienza le compagnie aeree” “Stiamo lavorando – hanno proseguito – per riformularlo e renderlo ancora più appetibile. Non si esclude, infatti, che il tetto massimo di sconto del 50% imposto dall’Ue sull’utilizzo dei fondi pubblici abbia dissuaso le compagnie. Speriamo che i fondi regionali stanziati ieri possano essere utilizzati senza certe rigide limitazioni. Consapevoli del pieno supporto della governance Sac, non intendiamo arrenderci e proseguiamo a immaginare il ‘Pio La Torre’ di domani nella certezza di gestire la ‘porta’ di un territorio dalle grandi potenzialità turistiche”.