La Parrocchia di San Giovanni Battista, a Monterosso, ha compiuto 65 anni ! VIDEO

779

Il 28 ottobre del 1951 la comunità di Monterosso Almo era in festa: veniva istituita la Parrocchia di San Giovanni Battista.

A distanza di 65 anni, la comunità si è riunita, ieri,  nella messa vespertina delle ore 19.00 e nell’ Adorazione Eucaristica a seguito, per ringraziare e lodare Dio per il dono di questa Parrocchia.dsc01021     La devozione a San Giovanni, a Monterosso, però, ha radici molto profonde che risalgono al XII secolo:  si attesta infatti, sin da allora, la presenza di una chiesa dedicata al Battista. I documenti dell’archivio parrocchiale rivelano, inoltre, che la chiesa sin dal XVII secolo era chiamata Basilica, con diritto di battezzare sin dal 1645. Sebbene il prospetto della chiesa abbia avuto varie modifiche nel corso del tempo, a causa anche del terribile terremoto del 1693  – che ne distrusse una buona parte -, non è mai venuta meno la devozione dei monterossani al Battista.

Nei secoli successivi al terremoto il centro abitato si spostò sempre più in alto rispetto all’antica ubicazione,  e questo comportò, di conseguenza, un ruolo fondamentale per la Chiesa di San Giovanni, che lì ergeva da molto tempo e  che già fungeva da “Filiale e Coaudiatrice” della chiesa madre, distrutta e fortemente danneggiata dal terremoto.

Dopo secoli di suppliche” il 28 ottobre del 1951, il Vescovo Ettore Baranzini elevò la chiesa di S. Giovanni Battista a Parrocchia. Il primo Parroco fu Giuseppe Flaccavento.

L’attuale parroco è Don Marco Diara.

Si rimanda alla lettura  del libro “Monterosso e S. Giovanni, sette secoli tra storia e devozione” di Angelo Schembari, per chi volesse conoscere con maggiori dettagli le vicende storiche, la tradizione e gli aspetti folcloristici e di devozione legate alla Chiesa di San Giovanni e alla festa del “glorioso Patrono”.

Ragusatelegraph ha voluto sottolineare l’evento allegando un video tratto dagli archivi parrocchiali . Per tale motivo si ringrazia la Parrocchia di San Giovani per la gentile concessione.