La cipolla di Giarratana, ecco come averla tutto l’anno: Azienda Fagone. INTERVISTA

1321


L’oro bianco degli Iblei : ecco cosa è la cipolla di Giarratana. Tanto buona e gustosa quanto rara da trovare se non nel periodo che va da Luglio ai primi di Settembre.

Ragusatelegraph, dopo aver condotto, nei mesi scorsi, un’intervista su come si coltiva la cipolla di Giarratana (vedi http://ragusatelegraph.it/2016/08/si-coltiva-la-cipolla-giarratana-intervista/)  ha incontrato il titolare dell’Azienda Fagone di Giarratana, Salvatore Noto che, con passione e dedizione, dopo essersi occupato per più di 30 anni della coltivazione dell’ortaggio,  ha tentato – riuscendoci con successo- di estendere tempo e spazio per usufruire della famosa cipolla.

Nel 2004, infatti, ha ben pensato di conservare quest’ortaggio producendo delle confetture a base di cipolla così da poterla gustare per tutto l’anno. Non c’è giarratanese nel mondo che non porta con sè una confettura Fagone: in quel barattolo, sigillato da un marchio che ne è garanzia, vi sono racchiusi gusti, profumi ed essenze della nostra terra.

Salvatore Noto è inoltre responsabile dei produttori Presidio Slow Food a cui appartiene la cipolla di Giarratana.

Emblematica è l’immagine di uno studente universitario fuori sede che,  quando ha nostalgia di casa, spalma su una fetta di pane la confettura di cipolla che acquista, per lui, un’importanza che va oltre il fatto di “essere cibo”.

Conservare un prodotto significa, infatti, anche poterlo esportare, poterne usufruire comodamente quando si ha necessità.  E’ per questo che i prodotti di questa azienda riscuotono successo e sono sempre più richiesti. 14432942_1174507069290427_2331597137635606820_n

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, presente al “Salone del gusto” di Torino, ha avuto modo di soffermarsi nello stand dell’Azienda Fagone, mostrando stupore dinnanzi alle dimensioni della cipolla giarratanese e ha espresso il suo compiacimento per l’attività dell’azienda.

Anche Ragusatelegraph si complimenta con l’Azienda Fagone, e nel particolare, per essere riuscita a concentrare e conservare gusti e profumi nostrani dentro un barattolo!



Condividi
Articolo precedenteLa Famiglia Pepi chiede giustizia
Prossimo articoloVince il Cus ma il Padua non perde
Conseguita la maturità Classica, frequenta il corso di Laurea in Filosofia presso l’Università degli studi di Messina. Ha al suo attivo numerose ed importanti esperienze teatrali ed organizza Laboratori Teatrali per bambini. Promotrice di eventi culturali, è stata anche membro di gestione della Biblioteca Comunale di Monterosso Almo (RG), ove risiede. Ha svolto il Servizio Civile nell’anno 2014-2015 presso un centro per disabili. Cura una rubrica radiofonica all'interno di Radio Tindari.