Il 25 agosto Chiaramonte festeggia il suo Patrono : il giovane Martire San Vito

525


L’area montana della provincia di Ragusa respira, in questi giorni, aria di festa.
A Giarratana infatti il 24 agosto si tiene la festa di San Bartolomeo Apostolo, patrono della città; a Chiaramonte Gulfi invece prendono avvio i solenni festeggiamenti in onore di San Vito Martire.
San Vito, il cui culto fu ampiamente diffuso in periodo medievale, è un giovane Martire del periodo delle persecuzioni cristiane ad opera di Diocleziano (303 d. C. ). Si narra che morì alla tenera età di 15 anni poiché non voleva compiere sacrifici agli dei. San Vito, la cui fede divenne memorabile, compí numerosi miracoli durante la sua breve vita e continua a compierne anche adesso che si trova nella gloria divina.
Particolarmente invocato per compiere guarigioni contro epilessia, malattie del sonno e la corea, malattia che causa spasmi e movimenti incontrollati degli arti.
È anche proclamato patrono dei danzatori proprio perché è invocato a protezione di quelle malattie che, nei loro fenomeni esteriori, sembrano far ballare il corpo.
Anche per questo all’interno dei festeggiamenti in onore del santo, a Chiaramonte, giovedì 25 Agosto alle 21.30, in piazza Duomo, si tiene la 1^ Edizione del festival della danza con la partecipazione dello Studio Danza Most of King di Ragusa, DanzArte di Ragusa, Swing Dance di Ragusa, Blue Stars di Ragusa, Dance with me di Ragusa , El Caraibe di Ragusa, l’Accademia di Ragusa, Paso Adelante di Comiso, Step up di Vittoria, Roxadance di Vittoria, Explosion dance di Acate e The University Dance di Chiaramonte.
Il programma religioso prevede per giorno 24 alle ore 19.00 la celebrazione eucaristica e a seguire la sistemazione del Simulacro del patrono sul fercolo.
Giovedì 25 alle ore 18.30 si terrà la recita del Santo Rosario e Coroncina a San Vito. Alle 19.30 la cerimonia dell’uscita e processione del Simulacro accompagnato da confraternite e fedeli.
Alle 20.00 è prevista l’entrata del patrono nella basilica Santa Maria Laura Novara e a seguire la Celebrazione Eucaristica.



Condividi
Articolo precedenteComincia la preparazione per la Passalacqua
Prossimo articoloL’uomo col tanga fa impazzire la provincia
Conseguita la maturità Classica, frequenta il corso di Laurea in Filosofia presso l’Università degli studi di Messina. Ha al suo attivo numerose ed importanti esperienze teatrali ed organizza Laboratori Teatrali per bambini. Promotrice di eventi culturali, è stata anche membro di gestione della Biblioteca Comunale di Monterosso Almo (RG), ove risiede. Ha svolto il Servizio Civile nell’anno 2014-2015 presso un centro per disabili. Cura una rubrica radiofonica all'interno di Radio Tindari.